347.9992883
Torna agli approfondimenti

Cimici spia:come sono fatte le microspie e le microcamere?

Come funzionano e come sono fatte le microspie?

Esistono diversi tipi di microspie ambientali, ma in tutte possiamo distinguere:

  • 1 o 2 microfoni: molto piccoli e sensibili, si hanno due microfoni nelle microspie stereo, ovvero le microspie professionali riservate alla polizia e ai carabinieri o altre forze dell’ordine che le installano in indagini lecite.
  • Batteria o alimentatore: come tutti gli strumenti tecnologici anche le microspie necessitano di alimentazione.
    Le microspie professionali hanno consumi ridottissimi e logiche di funzionamento che gli permettono notevoli autonomie.
  • Trasmettitore: la cimice capta il parlato e le conversazioni in un luogo e devono inviarle a chi ci intercetta, quindi in qualche modo devono trasmettere o in tempo reale o in differita quello che hanno registrato.
  • Memoria: alcune microspie, sopratutto in campo militare e professionale utilizzano una memoria interna dove vengono temporaneamente memorizzati i dialoghi o i rumori captati nell’ambiente messo sotto sorveglianza o intercettazione ambientale.
    Quasi tutte le microspie “store and forward” hanno una memoria di tipo micro SD.
    Alcune volte può essere criptata per ragioni di sicurezza.
  • Antenna: tutte le microspie devono avere una antenna, delle dimensioni adeguate al tipo di frequenza su cui devono trasmettere. Nelle microspie GSM , 4G o LTE questa può essere anche miniaturizzata, come quelle all’interno dei nostri Iphone o Samsung per intenderci.

Perchè vengono ancora oggi utilizzate le cimici spia?

Chi è attento alla propria privacy conosce i rischi che comporta l’utilizzo o anche solamente il possesso di un cellulare, anche spento.

Per questo oggi più che mai vengono utilizzate le cimici ambientali, e gli ambienti intercettati sono imbottiti di cimici per sentire anche le parole bisbigliate.

Vantaggi di una microspia ambientale:

  • Facilità di occultamento (ad esempio possono essere nascoste in una televisione )
  • Miniaturizzazione
  • Sono pronte all’uso
  • Lunghe autonomie anche con l’utilizzo di batterie.
  • Ampio range delle frequenze di utilizzo.

A che distanza si possono ascoltare le microspie: la portata delle cimici

Le microspie in radiofrequenza funzionano grosso modo come i telefoni cordless: c’è un trasmettitore, e un ricevitore.
La distanza tra il telefono ( trasmettitore simile alla microspia ) e il ricevitore ( la base del cordless simile al ricevitore della microspia) viene chiamata portata.

La portata può variare da poche decine di metri ( ad esempio le microspie wifi o bluetooth hanno una portata molto limitata, al massimo di 70/100 metri) fino alle microspie digitali su frequenze più basse, che possono  avere un raggio d’azione in campo aperto anche di 8/10 km.

Infine esistono le microspie che si appoggiano alla rete telefonica cellulare, e vengono chiamate microspie infinity proprio per la loro possibilità di trasmettere praticamente ovunque nel mondo funzioni il cellulare.

Come sono fatte le microspie

 

Esempio di microspia camuffata

Microspia fatta a forma di cavetto per telefonino

Microspia ambientale esempio

Microfono nascosto al’interno, è quello collegato con i cavetti rossi.

I microfoni utilizzati dalle microspie oggi possono essere grandi come capocchie di spillo e possono essere inseriti con disinvoltura anche all’interno di un cavo per la ricarica di un cellulare.

Come essere sicuri di non avere microspie in casa o in ufficio?

Se avete un problema serio con le microspie o con cimici varie, o telecamere nascoste, potete richiedere un nostro intervento di bonifica ambientale per essere sicuri di ritrovare microspie di qualunque tipologia.

 

Informazioni e preventivi

Per richiedere un preventivo  ( costi bonifica microspie ) immediato e sapere quando possiamo eseguire l’intervento contattaci, ricordandoti di chiamarci fuori dai luoghi da sottoporre a controllo e non dalla vostra vettura.

Chiama 347.9992883
Con l’invio accetto l’informativa sulla privacy D.lgs. n. 196/2003